Marketing Esperienziale e Innovazione Tecnologica: un connubio vincente per il retail

Le nuove tecnologie possono supportare il settore del retail, diventando un plus irrinunciabile nell’esperienza e nella reiterazione del comportamento d’acquisto.

Tutto ciò che è innovativo è per definizione un qualcosa che va oltre la tradizione, come succede molto spesso per le tecnologie e il digitale. Sarebbe riduttivo, però, considerare l’innovazione solo in ambito tecnologico.
Infatti, l’innovazione coinvolge anche le attività del marketing esperienziale migliorando la customer experience.

Il match che vogliamo proporre è: come la tecnologia è a servizio della vendita del prodotto e quali sono gli strumenti che rafforzano l’esperienza del cliente consumatore? Cercheremo di rispondere a tale quesito proponendovi degli esempi pratici che vedono coinvolta tecnologia, innovazione e marketing.

Nuove esperienze e nuove tecnologie

In ambito di innovazione il settore del retail, e nello specifico le GDO si sono ammodernate, rinnovando quelli che sono gli asset predefiniti dei percorsi sensoriali già ampiamente dibattuti dalle teorie del marketing esperienziale e utilizzati all’interno di molte catene.

Ma quali sono le nuove tecnologie utilizzate al raggiungimento di tale obiettivo?

  • DIGITAL SIGNAGE
  • SELF CHECK-OUT e CASSE CONVERTIBILI
  • TOTEM INTERATTIVI

Digital signage e i contenuti d'impatto

Uno dei supporti più in voga nell’area retail è il digital signage ovvero la cartellonistica digitale.

I supporti utilizzati sono dei ledwall di dimensioni variabili (a seconda dell’esigenza del committente), dove all’interno ruotano contenuti scelti, come ad esempio le promozioni del momento.

Utilizzando questi strumenti si accede ad una serie di benefici: si abbattono i costi della cartellonistica più tradizionale e grazie a sistemi di gestione da remoto i contenuti possono essere molteplici, sempre nuovi, aggiornati con campagne temporalmente mirate. Quindi il cliente, viene immediatamente colpito dall’esperienza e rimane ciclicamente aggiornato sulle opportunità in loco ed è predisposto anche agli acquisti d’impulso oppure essere coinvolto all’interno della vita del centro commerciale.

Il self check-out

Il self-check-out ormai è una delle innovazioni tecnologiche più interessanti per il mondo del retail e la sua diffusione può essere osservata non solo nelle grandi catene distributive ma anche in piccoli punti di vendita al dettaglio e nei tabacchini.

Il sistema cassa realizzato attraverso hardware specifici, si presenta come un traguardo per migliorare l’esperienza del cliente che si trova a gestire in autonomia il proprio carico-spesa, c’è una lettura automatica della cassa, completa autonomia e velocità nell’insacchettamento della spesa e il tutto viene gestito in digitale eliminando anche il fattore umano di errore nei resti.

Il sommelier interattivo

Largamente utilizzati nel settore food, i totem touchscreen, sono una tecnologia versatile, e offrono un servizio veloce e rapido per tutti coloro che hanno intenzione di fare un ordine all’interno di un punto ristoro.
Una trovata interessate degna di nota, è stata l’utilizzo di questa tecnologia a supporto della valorizzazione di un’area ben specifica – ovvero l’enoteca di un ipermercato.
Il totem è stato predisposto all’ingresso del settore enoteca dove il cliente fosse incuriosito ad interagire.

L’interazione può avvenire in due modalità:

  • Nella prima, passando il codice a barre della bottiglia si visualizza la scheda prodotto del vino che racconta il prodotto selezionato, dando suggerimenti su abbinamenti, temperatura, bicchiere e suggerendo anche come descrivere il vino ai propri ospiti.
  • La seconda modalità, più interattiva, permette al cliente di scegliere il vino attraverso tre diversi test: test del gusto, test della ricetta, coinvolgendo maggiormente il cliente a conoscere il suo carattere gustativo al quale corrispondono una serie di vini che vengono elencati nel dettaglio e con le singole schede prodotto, e non finisce qui, viene indicato anche lo scaffale dove il vino è posizionato.
Eleonora Felicella

Eleonora Felicella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *